Notizie

Bandai Namco lancia un progetto per riciclare i rifiuti di plastica dei modelli di Gundam

Il produttore di giocattoli Bandai Namco Holdings Inc. ha recentemente lanciato un progetto per riciclare le parti di plastica usate dai suoi kit di modelli basati sulla serie di animazione fantascientifica “Mobile Suit Gundam” come parte del suo sforzo di sostenibilità.

Nell’ambito del progetto, iniziato il 1° aprile, l’azienda di intrattenimento con sede a Tokyo ha chiesto ai fan di depositare le sezioni di plastica del telaio solitamente scartate dopo l’assemblaggio dei modelli in circa 190 punti di raccolta in tutta la nazione presso i negozi di modellismo e nelle sale giochi gestite da Bandai Namco.

L’azienda prevede di riutilizzare i rifiuti plastici per la fabbricazione di prodotti in plastica, compresi i modelli di Gundam, e per la produzione di energia termica. I kit di modelli di Gundam, conosciuti come “Gunpla”, un termine portmanteau che combina “Gundam” e “plastica”, sono stati un prodotto di successo, con vendite cumulative che hanno superato i 700 milioni di set a livello globale a partire da marzo di quest’anno.

Anche se i mercati d’oltremare hanno rappresentato circa la metà delle vendite dei modelli con i robot Gundam e le loro armature negli ultimi anni, Bandai Namco ha detto che attualmente non prevede di istituire siti di raccolta oltreoceano per il riciclaggio. L’azienda gestisce negozi di Gunpla in Corea del Sud, Cina e Taiwan.

Secondo una stima di Bandai Namco, dalle 7.000 tonnellate di plastica usate per produrre i suoi prodotti di punta Gunpla ogni anno vengono generate fino a 2.000 tonnellate di rifiuti di telaio.

“Gunpla è un prodotto molto amato da molte persone, quindi abbiamo lanciato questo progetto di riciclaggio con il desiderio di creare una società sostenibile insieme ai fan”, ha detto una portavoce di Bandai Namco.

La serie anime Gundam è diventata un grande successo dopo la messa in onda del suo primo titolo nel 1979, generando un franchise di successo che comprende sequel, spinoff, film, fumetti, videogiochi e modellini di plastica.

La storia ruota intorno ai robot giganti Gundam conosciuti come “mobile suit” che combattono le guerre nello spazio e sulla Terra.

Bandai Namco sta pensando di usare alcuni dei rifiuti di plastica raccolti come materiale di prova per il “riciclaggio chimico”, una tecnologia all’avanguardia che scompone la plastica in materie prime in modo da poter produrre plastica con la stessa qualità di quella prodotta dai combustibili fossili.

Al contrario, i processi di riciclaggio convenzionali tendono a produrre plastiche nerastre e fragili.

Con l’obiettivo di vendere i primi kit di modellini di plastica riciclata chimicamente al mondo, il giocattolaio inizierà una dimostrazione l’anno prossimo collaborando con l’azienda chimica PS Japan Corp.

Bandai Namco ha già venduto articoli Gunpla di colore nero fatti con rifiuti di plastica generati in un processo di produzione nella sua fabbrica principale utilizzando il ritrattamento convenzionale.

L’impianto di produzione, situato nella prefettura di Shizuoka, otterrà uno sconto nella sua bolletta dalla società elettrica a cui Bandai Namco venderà l’elettricità prodotta dall’energia termica nell’ambito del progetto di riciclaggio, secondo la società.

Riciclare bene” dice Biffa nella Giornata della Terra

Per sostenere la campagna della Giornata della Terra del 2021, Restore our Earth, Biffa dice che vuole aiutare le persone a “riciclare bene” e assicurarsi che gli oggetti giusti vadano nel bidone giusto.

L’azienda britannica di gestione dei rifiuti sta esortando le persone a riciclare correttamente per proteggere l’ambiente e ha rilasciato una lista dei 10 oggetti più comuni che impediscono ai sacchi di riciclaggio di essere trattati.

Jeff Rhodes, responsabile dell’ambiente e degli affari esterni di Biffa ha detto: “Per proteggere il nostro ambiente, abbiamo bisogno di “riciclare bene” in modo che la maggior parte dei nostri rifiuti venga riciclata. Educando la gente su ciò che può e non può essere riciclato, speriamo di continuare a migliorare i tassi di riciclaggio del Regno Unito. A sua volta questo creerà un ambiente più sostenibile e aiuterà a prendersi cura del nostro pianeta”.

Ha aggiunto: “L’anno passato ha dato alle persone la possibilità di apprezzare l’ambiente che le circonda ed è vitale fare tutto il possibile per proteggerlo. Biffa ha investito più di 54 milioni di sterline nei suoi impianti di riciclaggio negli ultimi 5 anni per permettere di riciclare più materiali nel Regno Unito”.

Gli oggetti più comuni che contaminano il tuo riciclaggio
1. Pannolini
2. Prodotti per l’igiene femminile
3. Rifiuti alimentari
4. Sacchi neri contenenti rifiuti domestici
5. Confezioni blister
6. Tessuti
7. Apparecchiature elettriche
8. Legno
9. Giocattoli per bambini
10. Mobili da giardino

7,7 milioni di pannolini passano attraverso gli impianti di riciclaggio di Biffa ogni anno – un pannolino ogni quattro secondi.

In ogni tonnellata di riciclaggio ricevuta si trovano fino a 30 pannolini.
I fili elettrici possono causare seri problemi quando finiscono negli impianti di riciclaggio, costringendo alla chiusura per la pulizia o alla rottura dei macchinari.

Contaminazione

Quando gli articoli non riciclabili finiscono nel bidone del riciclaggio, causano problemi come la contaminazione, rischi per l’igiene e creano costi aggiuntivi per identificare, estrarre e smaltire gli articoli.

Come parte della sua strategia sulle risorse e i rifiuti per l’Inghilterra, il governo mira a un tasso di riciclaggio del 65% entro il 2035. Per raggiungere questo obiettivo, oltre ad aiutare a proteggere il nostro pianeta, dobbiamo tutti fare la nostra parte e riciclare correttamente.

Per proteggere il nostro ambiente, dobbiamo “riciclare bene” in modo che la maggior parte dei nostri rifiuti venga riciclata.

I migliori consigli per il riciclaggio:

Controllare le etichette degli articoli per una guida
Separare i materiali nei contenitori corretti
Mantenere gli oggetti puliti, vuoti e asciutti
Se non sei sicuro, chiedi al tuo comune o controlla il sito web Recycle Now Recycle Now | Dove e come riciclare

Biffa è un pioniere del riciclaggio della plastica, avendo costruito l’anno scorso a Seaham, nella contea di Durham, il primo impianto di riciclaggio della plastica alimentare a circuito chiuso del Regno Unito. L’impianto permette a Biffa di riciclare 57.000 tonnellate di plastica all’anno, o 1,3 miliardi di bottiglie di plastica all’anno, e fa parte della spinta continua del Gruppo a investire nelle infrastrutture di riciclaggio del Regno Unito per permettere di riciclare più rifiuti a casa.

Cos’è la Giornata della Terra?

La Giornata della Terra è iniziata nel 1970, chiedendo una maggiore protezione per il pianeta. La sua missione è quella di diversificare, educare e attivare il movimento ambientale in tutto il mondo. Da quando ha iniziato nel 1970, è diventato il più grande reclutatore del mondo per il movimento ambientale, lavorando con più di 75.000 partner in oltre 190 paesi per guidare un’azione positiva per il nostro pianeta.

Maggiori informazioni possono essere trovate su www.earthday.org .

Uno studio trova gli imballaggi “meno riciclabili” nel Regno Unito

Uno studio condotto dalla società di ricerca sui consumatori Which? ha scoperto che il 32% degli imballaggi di marca nel Regno Unito non è “facilmente riciclabile in pratica”.

Lo studio ha confrontato 11 prodotti per la casa in nove paesi, con Pringles il “prodotto meno riciclabile”.

Lo studio chiamato “The Consumer Lens on Packaging 2021” è stato commissionato da Consumers International, l’organizzazione che riunisce i gruppi di consumatori di tutto il mondo.

Ha confrontato 11 prodotti per la casa in nove paesi e ha scoperto che il Regno Unito è rimasto indietro rispetto a Honk Kong, Portogallo, Australia e India in termini di imballaggi non facilmente riciclabili, ma davanti a Malesia, Francia, Nuova Zelanda e Brasile.

L’indagine ha ritenuto che un prodotto sia riciclabile se i paesi hanno sistemi di raccolta, smistamento e riciclaggio adeguati per permettere ai consumatori di riciclare effettivamente l’imballaggio, così come la qualità dell’etichettatura sugli imballaggi.

Gli 11 prodotti per la casa, descritti in dettaglio nella tabella sottostante, sono stati scelti perché lo stesso prodotto o un prodotto simile era ampiamente disponibile in tutti e nove i paesi.

Sono prodotti da otto delle 30 maggiori aziende alimentari e di bevande a livello mondiale in termini di fatturato nel 2020.

REGNO UNITO

Which? ha detto che nel Regno Unito, nonostante il consumatore sia disposto a riciclare, in media il 32% del peso dell’imballaggio degli 11 prodotti non è facilmente riciclabile nella pratica. Which? nota “in quasi tutti i casi si trattava di imballaggi di plastica che non poteva essere facilmente riciclabile in pratica”.

Ha scoperto che la mancanza di chiarezza era una barriera chiave per i consumatori. Anche l’etichettatura era una barriera alla facilità di riciclaggio. Il rapporto ha menzionato specificamente l’imballaggio di Toblerone, che nonostante sia riciclabile, “l’etichettatura non lo indicava, presentando una barriera per il consumatore”.

Aziende

Il rapporto compilato da Which? dice che nessun prodotto era etichettato chiaramente in tutti e nove i paesi. In alcuni casi, “quando l’imballaggio è riciclabile, l’etichettatura non forniva questa informazione”.

I prodotti meno riciclabili in tutti e nove i paesi erano Pringles (84%), M&M’s peanut chocolate (67%) e Kit Kat (64%), che avevano la più alta percentuale media di peso dell’imballaggio che non poteva essere riciclato.

I prodotti più riciclabili sono stati la confezione in lattina della Coca-Cola (2%), il barattolo di Nescafé Original (12%) e la Nutella Hazelnut Spread con cacao (16%), che ha avuto la più bassa percentuale media di peso dell’imballaggio che non poteva essere riciclato facilmente.

In ritardo

Michael Briggs, responsabile della sostenibilità presso Which? “Sappiamo che i consumatori britannici vogliono imballaggi facili da riciclare, e mentre molti tipi di imballaggi possono essere riciclati nelle raccolte domestiche, il Regno Unito è in ritardo rispetto ad altri paesi quando si tratta di riciclabilità degli imballaggi.

“Come primo passo, il governo dovrebbe rendere obbligatorie, semplici e chiare, le etichette di riciclaggio sugli imballaggi degli alimentari”.

“I produttori devono fare di più per garantire che i loro imballaggi possano essere facilmente riciclati, ma come primo passo il governo dovrebbe rendere le etichette di riciclaggio sugli imballaggi alimentari obbligatorie, semplici e chiare – permettendo agli acquirenti di sapere esattamente come smaltire gli imballaggi dei prodotti che usano.”

La Recycle Room apre una nuova sede nel centro di Clydebank

Nichola Mable (a destra) fuori dai nuovi locali della Recycle Room al Clyde Street Business Centre con Gil Paterson MSP e Lorraine McCullough di Food For Thought

Una carità di scambio della comunità di CLYDEBANK ha dato il benvenuto al pubblico nei loro nuovi locali durante il fine settimana.

La Recycle Room di Clydebank ha aperto le sue porte ai residenti nel loro nuovo spazio all’unità 7 del Clyde Street Business Centre.

L’organizzazione operava precedentemente dal The Hub su Kilbowie Road, ma ha dovuto trovare una nuova casa quando il centro è stato costretto a chiudere durante il primo blocco nel marzo 2020.

Tuttavia, l’organizzazione è stata lasciata a lottare quando The Hub è stato poi riaperto come una stazione di prova Covid.

Nichola Mable, fondatrice dell’associazione ha detto al Post: “È stato difficile perché quando The Hub ha aperto ci è stato permesso di essere aperti, ma è stata una lotta perché non c’era mai abbastanza parcheggio e le persone hanno bisogno di aiuto a tutte le ore.

“Ricevo ancora messaggi alle 3 del mattino per chiedere delle cose.

“Renderà le cose molto più facili. È tutto su un piano con un facile parcheggio e molto vicino al centro della città.

“Si trova in una bella zona di Clydebank che si collega al lungomare. Siamo molto entusiasti di aprire perché sappiamo che ci sarà molto da fare”.

La Recycle Room è stata aperta per tutta la durata della pandemia per offrire alla gente della zona fasci di vestiti donati e articoli per la casa – e persino una roulotte.

Nichola ha aggiunto: “Onestamente, è stato uno shock per me. Non mi sarei mai aspettata che qualcuno donasse una roulotte. Ho avuto cose insolite prima, ma non questo”.

Tutte le donazioni che non possono essere utilizzate vengono date agli studenti di moda e tessili del campus Clydebank del West College Scotland e della Glasgow School of Art per i progetti.

“Tutto viene usato e riciclato. Nulla va sprecato perché sono una ferma sostenitrice che tutto può essere trasformato in qualcosa. Ho pensato che donando i vestiti agli studenti di moda li avrebbe aiutati, ma anche trasformato qualcosa in un pezzo di moda”.

Il deputato di Clydebank in pensione Gil Paterson ha detto: “C’è una determinazione da parte delle persone che stanno facendo accadere questo durante la pandemia.

“So cosa hanno fatto in passato e l’hanno continuato per tutto il tempo. Hanno un posto fantastico qui e c’è voluto un sacco di duro lavoro per ottenerlo.

“Farà un cambiamento fondamentale quando non hai assolutamente nulla e hai un posto come questo che ti dà non solo dei beni, ma una speranza”.

Si può accedere ai nuovi locali attraverso South Douglas Street. Non è necessario un appuntamento, ma a causa delle restrizioni del coronavirus solo un numero limitato di persone può entrare contemporaneamente.

Per ulteriori informazioni e orari di apertura visitate The Recycle Room su Facebook o inviate un’e-mail a [email protected]